PARROCCHIA DI SAN FEDELE MARTIRE

Regolamento parte II

Art. 27 Incompatibilità
Non possono far parte della Commissione della gestione:
a) i membri, i supplenti e il Segretario del Consiglio parrocchiale;
b) i congiunti nei gradi seguenti: coniuge, gentiori e figli, fratelli, suoceri con generi e nuore, zii 
    e nipoti consanguinei;
c) coloro che si trovano nei detti gradi di parentela con i membri del Consiglio parrocchiale, i 
    supplenti ed il Segretario;
d) i dipendenti della Parrocchia.

Art. 28 Collisione
Chi ha rivestito la carica di membro del Consiglio parrocchiale o di supplente può far parte della Commissione della gestione; egli non può tuttavia partecipare alle votazioni per la nomina della Commissione della gestione né alla discussione e al voto sulla gestione che lo concerne.

Art. 29 Competenze
La Commissione della gestione esamina la gestione e si pronuncia sugli oggetti che richiedono una decisioene dell'Assemblea in virtù dell'articolo 15 lett. a-g della legge sulla Chiesa cattolica.
La Commissione della gesitone ha accesso agli atti dell'amministrazione parrochciale e agli archivi, riservato l'art. 22.

Art. 30 Seduta
La Commissione della gestione è convocata dal Presidente con avviso scritto ai membri almeno 10 gioni prima della seduta.
La seduta è valida se è presente la maggioranza assoluta dei membri.
I supplenti devono essere convocati in caso di mancanzta della maggioranza assoluta. 

Art. 31 Rapporto
La Commissione della gestione allestisce il rapporto scritto sul messaggio e lo deposita alla sede della Parrocchia almeno sette giorni prima della seduta dell'Assemblea parrocchiale.
Qualora la Commissione non fosse in grado di presentare un rapporto di merito sui conti, riferisce i motivi all'Assemblea, che stabilisce un nuovo termine non superiore a un mese. Di ciò il Consiglio parrocchiale dà sollecita comunicazione alla Diocesi di Lugano. 

Art. 32 Presidente
Nella sua prima seduta la Commissione della gestione nomina un Presidente.

Art. 33 Altre Commissioni
L'Assemblea può istituire delle Commissioni speciali per l'esame di determinati oggetti. 

TITOLO III Norme diverse

Art. 34 Funzioni
I dipendenti della Parrocchia sono:
a) il Segretario parrocchiale;
b) il cassiere;
c) il sacrestano.

Art. 35 Compiti del Segretario parrocchiale
Il Segretario:
-redige i verbali dell'Assemblea e del Consiglio;
-redige le lettere del Consiglio e ne tiene copia;
-custodisce in buon ordine gli atti del Consiglio parrocchiale e dell'archivio parrocchiale;
-tiene aggiornato il catalogo elettorale;
-firma, unitamente al Presidente, gli atti del Consiglio e le risoluzioni dell'Assemblea;
-esegue tutti i lavori di carattere amministrativo connessi alla sua carica.
Se impedito, viene supplito da un membro del Consiglio Parrocchiale.

Art. 36 Compiti del cassiere
Il cassiere:
-cura l'amministrazioen dei beni mobili ed immobili della Parrocchia;
-provvede al pagamento delle fatture, dellenote d'onorario e degli stipendi, come pure 
 all'incasso dei crediti e dei contributi volontari al culto;
-tiene la contabilità della Parrocchia;
-allestisce i conti preventivi e consuntivi.
La funzione del cassiere è assunta dal Segretario.

Art. 37 Compiti del sacrestano
Il sacrestano sottostà all'apposito capitolato stabilito dal Consiglio parrocchiale. 


TITOLO IV Regolamento per ordinanze-convenzioni

Art. 38 Ordinanze
Il Consiglio Parrocchiale può emanare ordinanze per disciplinare materie di competenza propria o delegata da leggi o da regolamenti.
Per quanto qui non specificato, riservate le leggi federali, cantonali ed i regolamenti parrocchiali, il Consiglio parrocchiale emana le ordinanze di propria competenza e quelle delegate dal presente regolamento. 

Art. 39 Convenzioni
La Parrocchia può sottoscrivere convenzioni con enti pubblici o privati per svolgere compiti di natura pubblica e locale.
La convenzione deve contenere in particolare lo scopo, l'organizzazione, il riparto delle sepse il termine di rinnovo e di disdetta. La stessa deve essere adottata dall'Assemblea parrocchiale seocndo le modalità previste per il regolamento parrocchiale, salvo i casi di esclusiva competenza del Consiglio parrocchiale.

TITOLO V Disposizioni finali

Art. 40 Diritto applicabile
Per quanto non contemplato nel regolamento parrocchiale si applicano la legge sulla Chiesa cattolica del 16 dicembre 2002, il regolamento della legge sulla Chiesa cattolica del 7 dicembre 2004 e per analogia la legge organica comunale del 10 marzo 1987.

Art. 41 Entrata in vigore
Il presente regolamento entra in vigore immediatamente.






Inserire un commento su questa pagina:
Il Suo nome:
Il Suo indirizzo e-mail:
La Sua Homepage:
Il Suo messaggio: