PARROCCHIA DI SAN FEDELE MARTIRE

AMMINISTRAZIONE PARROCCHIALE

    
 

PRESIDENTE                            Prof.  Petrini  Tiziano

VICE-PRESIDENTE                   Iacomini   Iris

MEMBRI                                      Banfi Beatrizzotti Giovanna

                                                    Previtali Augustin
                                                
                                                    Avv. Gibolli Athos

                                                    Avv. Genovini Ivano

                                                    Don Ceslaw Sutor


SUPPLENTI

Vacante
Dott. Med. Busse Jung Christine

COMMISSIONE DI REVISIONE 2013-2017

 Poncini Giuseppe
 Ing. Previtali Peppino


SEGRETARIO

Avv. Genovini Ivano



 



        
      
    

     

 

 

   
      



                                             
                                 

 

      
                





Commenti su questa pagina:
Commento di (La Regione)( ), 09/11/2008, alle 07:46 (UTC):
Verscio, i 100 anni del cimitero
Per l’occasione posata una statua
I fedeli di Verscio hanno commemorato, domenica scor­sa, due novembre, giorno dei defunti, i cento anni del “nuo­vo” cimitero. Una ricorrenza degna d’importanza, che la co­munità credente ha voluto sot­tolineare in maniera opportu­na e partecipe.
È infatti passato più di un se­colo dalla realizzazione dell’o­dierno monumento. L’opera fu­neraria era stata voluta dall’al­lora sindaco Achille Cavalli e dal parroco, don Pio Meneghelli (la sua tomba si trova, tra l’al­tro, proprio all’entrata del cam­posanto). Tra notevoli difficoltà finanziarie si era provveduto a realizzare il nuovo cimitero in quanto quello antico (situato at­torno alla chiesa) era divenuto troppo piccolo. La realizzazione era stata imposta dalle leggi en­trate in vigore in quei tempi, le quali impedivano l’inumazione dei cadaveri nei sepoltuari delle chiese.
Don Pio Meneghelli benedis­se solennemente il luogo di se­poltura il 31 agosto 1901 “ cum li­centia”.
Nel contempo, il parro­co, promotore di molte altre opere in paese, dedicava la cap­pella centrale del cimitero – vo­luta dalla vedova del consigliere Giacomo Cavalli e realizzata con pregiati marmi su disegno dell’architetto Zanini – alla Ver­gine Maria Venerata sotto il ti­tolo di Addolorata. A perenne ricordo questo anniversario è stata benedetta domenica, alla presenza di un buon numero di fedeli, una nuova statua del­l’Addolorata posta all’interno del piccolo tempio. Un segno che infonde anche speranza di una nuova vita per tutti coloro che non sono più fra noi. E che valorizza il passato della comu­nità, come punto di riferimento, origine della sua storia, delle consuetudini e delle tradizioni.









Inserire un commento su questa pagina:
Il Suo nome:
Il Suo indirizzo e-mail:
La Sua Homepage:
Il Suo messaggio: